Madrona Passive House: una casa passiva dal design moderno, minimal ed ecosostenibile

La Madrona Passive House è un esempio di casa passiva che riprende un modello di 30 anni fa ancora considerato il migliore per l'ecosostenibilità.

Le case passive sono le case del futuro, sempre più rivolte all’ecosostenibilità e ad essere autosufficienti. Case sempre più indispensabili nell’immediato futuro per fare un passo verso la salvaguardia della Terra già vessata dal surriscaldamento globale e dall’inquinamento. Un esempio di casa passiva è la Madrona Passive House a Seattle, scopriamola insieme.

Madrona Passive House

casa passiva
Madrona Passive House (Mark Woods)

La Madrona Passive House è  una casa eco-friendly che porta la firma di SHED Architecture & Design in collaborazione con Hammer & Hand, società in prima linea nello sviluppo di case passive. Si trova a Seattle, Washington, e si presenta all’esterno come un blocco massiccio e squadrato, spezzato dai vari livelli. Il rivestimento è composto in prevalenza da fibra di vetro ad alta densità, cui si aggiunge uno strato di lana minerale, protetto a sua volta da pannelli di cedro.

casa passiva
Madrona Passive House (Mark Woods)

Il cuore della casa è l’open space di cui fanno parte salotto, cucina e sala da pranzo. L’ambiente, ampio e arioso, è contornato dalla libreria in noce che occupa l’intera parete posteriore, e dalle grandi finestre, rigorosamente a triplo vetro, che fotografano il panorama, sotto le quali sono ricavate comode panche.

casa passiva
Madrona Passive House (Mark Woods)

I colori verdi e celesti si sposano bene con il legno che caratterizza finiture e pavimenti anche del piano superiore a cui si accede attraverso una semplice scala in noce. Qui si snodano le camere da letto e un balcone collega gli ambienti all’esterno e da cui si gode una vista mozzafiato sul paesaggio.

In cima al tetto sono infine montati dei pannelli fotovoltaici, per potenziare ulteriormente la capacità energetica della casa. Madrona Passive House ad oggi produce più energia di quella che consuma, con un bilancio termico in attivo che certifica la validità del progetto. Un esempio da copiare, per prepararsi al futuro in modo consapevole e lungimirante.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here