Home Arredo Bagno Bagno per diversamente abili

Bagno per diversamente abili

Soluzioni arredo bagno per diversamente abili: efficienza, tecnologia e qualità per rendere la vita migliore.

Tutti i prodotti e gli accessori di arredo bagno per diversamente abili: sanitari, lavabi, vasche, docce, ma anche barre maniglioni, seggiolini doccia, rubinetti temporizzati ed elettronici, e tanti altri ausili per disabili.

Realizzare un bagno per una persona diversamente abile, privo di barriere, significa apportare una serie di migliorie che influiscono sulla fruibilità e comodità dell’ambiente per il portatore di handicap.

Particolare attenzione va posta in fase progettuale, soprattutto per l’area dedicata ai sanitari ed ai lavabi per disabili. Fondamentale l’assenza di soglie e la scelta di arredi facilmente raggiungibili e di facile utilizzo.

Le moderne tecnologie applicate alle produzioni di sanitari per disabili, lavabi, mobili ed accessori per diversamente abili, devono garantiscono ergonomia e funzionalità, ma allo stesso tempo stile e design.

Consigli per allestire un bagno per diversamente abili

  • La configurazione di un bagno per disabili deve rispettare la norma DIN 18040, che ne stabilisce le condizioni da rispettare.
  • E’ consigliabile che l’accesso al bagno abbia una larghezza di almeno 90 cm.
  • E’ indispensabile calcolare bene gli spazi di movimento. Consigliata almeno un’area libera di 150 cm x 150 cm, in modo da garantire sufficiente libertà di movimento ed un agevole accesso a chi si muove con sedie a rotelle o altro tipo di ausilio per disabili.
  • Le dimensioni consigliate per un WC per disabili sono almeno 70 cm di profondità ed uno spazio laterale di manovra per sedie a rotelle di 90 cm.
  • Vivamente consigliato dotare il bagno di un cosiddetto sedile elettronico, con bidet integrato, che riunisce le funzioni di toilette e bidet e pertanto consente di risparmiare spazio prezioso.
  • Il lavabo è sicuramente un accessorio che fa la differenza. Meglio se a sbalzo, fissato ad una altezza in funzione delle esigenze specifiche del disabile, ma sempre tale da lasciare il massimo spazio di manovra sotto il lavabo stesso.