Outdoor, a piedi nudi sul deck

Outdoor, deck in legno a bordo piscina
Outdoor, deck in legno a bordo piscina

La scelta di utilizzare una pavimentazione in legno in outdoor consente di realizzare una soluzione non solo piacevole esteticamente ma allo stesso tempo pratica e funzionale.

Inoltre la possibilità di camminare a piedi scalzi sul legno è estremamente confortevole, grazie alla percezione della sua texture morbida e materica.

Outdoor, deck

Scegliere tra le numerose soluzioni proposte attualmente dal mercato può non essere semplice; per scegliere la soluzione ideale è bene valutare al momento della scelta non solo lo stile dell’ambiente che si vuole realizzare ma anche la manutenzione richiesta ed il costo del materiale, per non sforare con il budget ne accollarsi un eccessivo impegno per la manutenzione.

In sintesi le tipologie di pavimentazione in legno disponibili per l’outdoor sono tre e cioè legno naturale, legno sintetico e legno trattato.

1. Legno naturale

Il legno naturale è sicuramente la scelta esteticamente più elegante; realizzato in listoni massello, presenta la texture naturale elle venature del legno e viene scelto tra quelle essenze più durevoli e resistenti non solo all’usura del tempo ma anche agli agenti atmosferici. Fra i legni più utilizzati c’è il Teak, da sempre scelto anche per l’ambiente nautico, l’Ipè Tabacco o Lapacho, un’essenza di origine brasiliana ed il Noce.

2. Legno tecnologico o sintetico

Il legno definito tecnologico o sintetico è un legno composito, realizzato con una miscela di fibre di legno e polimeri di plastica PEHD; nell’ottica dell’eco-design, in questo caso il materiale che si utilizza è soprattutto legno di scarto, che a fine ciclo di vita può essere ulteriormente riciclato.
Questa soluzione presenta un’elevata resistenza non solo all’umidità ma ai raggi UV ed al conseguente scolorimento, ed è l’ideale per realizzare pavimentazioni a ridosso con l’acqua come deck di piscine, pontili o terrazze molto esposte.

3. Legno trattato

La pavimentazione in legno trattato è forse la meno conosciuta ed utilizzata in Italia.
Questo tipo di legno è di solito Pino, prima impregnato con boro e sali di cromo in autoclave per respingere la possibilità di attacchi biofagi, nonché di muffe e renderlo idrorepellente poi colorato con apposite vernici.
Ad un basso costo iniziale va contrapposta un bassa durevolezza e l’impossibilità di riciclarlo.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome