I tarli stanno infestando i tuoi mobili? Ecco come eliminarli!

Le nuove tendenze si spingono sempre di più verso il recupero di oggetti d’antiquariato, usati e logorati dal tempo. Lo Shabby chic e il Wabi-sabi sono stili che si incentrano proprio sulla valorizzazione di mobili antichi che possono essere investiti di una vita.

Ma avere a che fare con mobili antichi, fatti soprattutto in legno, vuol dire avere a che fare con i tarli. Prima di procedere con la ristrutturazione vera e propria, è consigliabile procedere con un trattamento anti tarli, che ci permetterà di eliminare dal mobile in questione l’eventuale presenza di questi piccoli esserini che mangiano il legno e provocano la formazione di quei fastidiosissimi buchi.

Come si possono eliminare i tarli dai mobili?

tarli
mobili tarlati (http://news.cdpbranca.it)

Prima di iniziare bisogna assicurarsi di avere tutto l’occorrente necessario. Innanzitutto il prodotto antitarlo specifico e il petrolio bianco, entrambi acquistabili in un qualsiasi negozio di ferramenta. Si consiglia inoltre l’utilizzo di guanti, di una mascherina per proteggersi da dannose inalazioni e sacchetti per evitare sgocciolamenti vari.

Per prima cosa mettete il mobile in questione in un luogo sicuro, come un balcone o un terrazzo, meglio se coperto da eventuali piogge. Ricordate che la cosa fondamentale è che sia all’aperto poiché le emissioni dei prodotti specifici sono dannose per la nostra salute.

[house]

Prendete ora il petrolio bianco e versatelo sulle superfici interessate facendo attenzione a coprire ogni minimo angolo, quindi spennellate il prodotto antitarlo. Durante questi due passaggi, è suggerito l’utilizzo di guanti e mascherina.

Una volta ultimato, coprite il mobile con un sacco di cellophane e lasciate a riposare per almeno una settimana: in questo modo l’antitarlo riuscirà ad entrare in ogni più piccolo forellino, eliminando così qualsiasi traccia di questi fastidiosi insettini.

Trascorso il tempo indicato, togliete il sacchetto di cellophane e lasciate il mobile all’aria aperta in modo che si ossigeni: facendo così, ogni emissione gassosa si disperderà nell’aria senza contaminare le stanze della casa.
Il vostro mobile è ora pronto per essere riposto nel posto preferito della vostra abitazione.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome