Poltrone e divani, nonostante i vari rivestimenti e coperture, primo o poi purtroppo si macchiano. Cosa fare quando accade? Come smacchiare il divano?

Le superfici delicate di poltrone e divani non sono facili da pulire perché si rischia di rovinare un complemento d’arredo che non costa poco. Ricoprirli con teli o coperture apposite può evitare il problema, è vero, ma qual è il bello di comprare il divano dei vostri sogni se poi si deve nascondere sotto rivestimenti per evitare di sporcarlo?

Come smacchiare i divani e farli tornare come nuovi

come smacchiare il divano
Come smacchiare il divano. (taylor hernandez by unsplash.com)

Quando si sceglie un divano e si sa già che verrà vissuto a pieno senza teli o plastica anni ’80 per salvaguardarlo, allora preferite i divani sfoderabili. Sarà più facile pulirlo mettendolo direttamente in lavatrice. Inoltre un divano sfoderabile diventa versatile e intercambiabile nel caso si voglia cambiare colore basterà cambiare il tessuto. Il divano in pelle d’altra parte è sicuramente più elegante e di classe ma più delicato e difficile da smacchiare

Macchie di inchiostro

Le macchie da inchiostro sui tessuti in pelle si possono provare a togliere tamponandole con il latte. Se invece è un divano in stoffa allora basterà strofinare la superficie macchiata con acqua e ammoniaca. Per i tessuti in velluto invece usare sale fino e spazzolare.

Vino rosso

Il vino rosso è uno dei peggiori incubi quando si parla di macchie in casa. Se capita di versarne per sbaglio un po’ sul divano di pelle, assorbire il liquido e poi pulire con una spugna inumidita con acqua tiepida e sapone. Se invece è sulla stoffa, con un panno bagnato con acqua tiepida pulisci la macchia in questione.

Macchie di unto

Se il vostro divano si macchia di unto copri la macchia con una carta assorbente e cospargi l’area interessata con del talco. Dopo qualche minuto spazzola via il tutto. Se la macchia è sulla pelle strofina delicatamente con un po’ di acqua tiepida e un cucchiaino di ammoniaca (da diluire in un litro di acqua) e poi ripulisci delicatamente.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.