IKEA e NASA si preparano a sbarcare su Marte con la collezione d’arredo Rumtid.

IKEA e NASA su Marte

La grande azienda svedese di arredamento low cost ha tra le sue prossime conquiste niente meno che Marte. Dopo aver annunciato una collaborazione con la NASA, sono stati presentati i primi prodotti realizzati appositamente per lo sbarco sul Pianeta Rosso previsto per il 2020.

Ikea e nasa
Rumtid, la nuova collezione IKEA in collaborazione con la NASA (ikea)

L’idea di poter un giorno abitare Marte e colonizzare nuove terre che vanno oltre i confini del nostro pianeta, sembra più reale ora che il colosso svedese ha iniziato la collaborazione con la Mars Desert Research Station, il centro di ricerca della NASA che riproduce le condizioni abitative del pianeta nel deserto dello Utah.

ikea e nasa
Rumtid, la nuova collezione IKEA in collaborazione con la NASA (ikea)

Il nome della nuova collezione, Rumtid, deriva dall’unione di due concetti: spazio “rum” e tempo “tid”. I futuristici prodotti sono stati presentati in occasione dei Democratic Design Days, conferenze annuali organizzate dall’azienda.
Stiamo parlando di un purificatore d’aria, un orto per interni, arredamenti modulari, un terrario, sistemi di illuminazione. Inoltre è stato realizzato un nuovo materiale ultraleggero, creato dalla combinazione di legno e scarti di produzione. Con questo nuovo materiale, elementi tubolari possono essere combinati tra loro in vari modi costruendo pezzi d’arredo personalizzati.

ikea e nasa
Rumtid, la nuova collezione IKEA in collaborazione con la NASA (ikea)

Questo progetto orientato verso Marte e verso potenziali capsule abitative, ha creato l’occasione di poter studiare soluzioni di arredo che possano adattarsi anche ai ridotti spazi che caratterizzano le abitazioni urbane. Approcciandosi alle condizioni più estreme possibili come possono essere delle capsule su Marte, IKEA può concentrarsi anche sull’urbanizzazione e sui piccoli spazi abitativi.

Per prepararsi a questa prova i progettisti dell’azienda hanno soggiornato dentro le capsule hotel giapponesi per riuscire a capire come vivere in ambienti molto piccoli, ed anche all’interno di un simulatore nel deserto dello Utah.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome