Quello che fu il Giardino dell’Eden di Adam Purple a New York, una luce nell’oscurità del degrado urbano

L’artista e attivista americano Adam Purple, divenne celebre a New York per il suo Giardino dell’Eden.

Adam Purple e il Giardino dell’Eden di NY

Nella prima metà degli anni ’70 il degrado urbano della città di New York stava prendendo il sopravvento. Sulla Eldridge Street, dietro David Lloyd Wilkie (poi conosciuto come Adam Purple) venne raso al suolo un edificio, e l’attivista e artista decise con sua moglie di far nascere della vita in mezzo a quel cumulo di macerie e dare ai bambini della Grande Mela un luogo verde in cui giocare per vivere al meglio la loro infanzia.

Giardino dell'Eden
Giardino dell’Eden a New York (kickstarter.com)

Era il 1975 quando Adam Purple, noto per indossare sempre qualcosa di viola, decise di creare un giardino sulla Forsyth Street nel Lower East Side di Manhattan. Ci vollero cinque anni per realizzare il giardino, il processo di sgombero richiese molto tempo perché la coppia usò solo attrezzi manuali, senza l’aiuto di macchinari moderni considerati “antirivoluzionari”. Portò fisicamente mattoni e materiali da costruzione lontano dal sito, e prendeva il letame dalle carrozze trainate da cavalli intorno a Central Park per creare un suolo fertile.

Giardino dell'Eden
Giardino dell’Eden a New York(thisiscolossal.com)

Il giardino era disegnato attorno a cerchi concentrici con al centro un simbolo yin-yang. Collocò il suo giardino attorno a edifici abbandonati e, man mano che gli edifici si affievolivano sempre più, il suo giardino continuava a crescere. Ha lavorato continuamente per sviluppare un giardino concentrico che alla fine sarebbe cresciuto fino a 15.000 piedi quadrati (1400 metri quadrati). Vi era una vasta gamma di prodotti, tra cui mais, cetrioli, pomodori ciliegia, asparagi, lamponi neri, fragole e 45 alberi tra cui otto noci nere. 

Il giardino divenne rapidamente un’attrazione nel quartiere  e in tutta la città. Non solo era un’oasi verde in un deserto di macerie e cemento, ma forniva anche cibo sotto forma di mais, frutti di bosco, pomodori e cetrioli. All’inizio degli anni ’80, divenne piuttosto popolare.

Giardino dell'Eden
Giardino dell’Eden a New York (http://evgrieve.com)

Sfortunatamente, la sua idea non è mai stata realmente presa in considerazione dalle autorità. La comunità chiese che il Giardino dell’Eden venisse protetto, ma non ciò non accadde, il terreno era edificabile e nel gennaio 1986 i bulldozer lo rasero al suolo in pochi minuti.

Un triste finale per un’opera di un uomo che con le sue forze ha voluto creare qualcosa di bello per la comunità, un’area verde in mezzo all’urbanizzazione incalzante.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome