Cambiare casa può rivelarsi un vero e proprio trauma. Imballare tutti gli oggetti e gli averi, organizzare lo spostamento, specie se si tratta di cambiare città. Trasloco che dramma! Ecco per voi i consigli per cambiare casa senza stress.

Prepararsi al trasloco

trasloco
Trasloco che dramma (foto by pixabay)

Prima di intraprendere i preparativi pratici per il trasloco occorre pianificare tutto per il meglio. Una buona organizzazione è alla base di un lavoro senza troppo stress. Iniziate organizzando il modo migliore per imballare tutte le vostre cose.

  1. Selezionate tutti gli oggetti che vi occorrono realmente ed eliminate ciò che già sapete non utilizzate più. Ciò che nella nuova casa non vi servirà, potete darlo in beneficenza, in questo modo potrà essere reimpiegato per qualcuno a cui occorre realmente;
  2. Proteggete tutti gli elementi delicati, come quadri, oggetti in vetro e cristallo e tutto ciò che potrebbe essere fragile. Esistono delle forme di assicurazione per gli imballaggi, se siete in possesso di oggetti e proprietà di valore cercate informazioni riguardo a questo tipo di tutela
  3. Amate le piante e volete portarle con voi? Spostatele con le giuste precauzioni: due giorni prima del trasloco effettivo, bagnatele con cura, mettetele in alcune cassette di legno separate i vasi gli uni dagli altri con dei giornali e coprite tutto con il polietilene.

Affrontare con serenità il giorno del trasloco: controllare che tutto sia in ordine

Il giorno del trasloco è un momento che al solo pensiero può procurare molte ansie. Il trasporto di tutti i pacchi, la paura di perdere o rovinare qualche elemento delle vostre proprietà, l’aver dimenticato qualcosa. Tutti questi pensieri fanno alzare il livello di ansia e preoccupazione che al momento dell’arrivo alla nuova abitazione potrebbe creare ulteriore ed inutile caos.

All’arrivo nella nuova casa, per prima cosa sarebbe ideale controllare ogni angolo, per assicurarsi che i precedenti proprietari non abbiano lasciato nulla e soprattutto che tutto sia integro. Ovviamente, nel caso in cui i precedenti inquilini della casa abbiano lasciato qualche segno, come pareti o mobilio rotto, dovete rivolgervi immediatamente all’agenzia di riferimento o al vostro avvocato.

Mobilio: dirigere i lavori per evitare incidenti

Se la casa non è ammobiliata e tutto l’arredamento è di vostra proprietà, dovete fare attenzione e dirigere e seguire il lavoro degli operai che vi stanno aiutando. Spiegate bene al caposquadra dove devono andare tutti gli elementi di arredo. Specificate e sottolineate quali siano gli imballaggi con oggetti fragili e fateli lasciare in un angolo sicuro. Procedete con la verifica delle condizioni degli stessi prima che gli operai finiscano il lavoro, per assicurarvi che tutto sia arrivato integro.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome