Non appena sarà certificata Borbiago di Mira (Venezia) potrà vantare la prima casa passiva italiana, frutto di una ristrutturazione. Le altre case passive della Penisola sono tutte nuove costruzioni.

La casa passiva di Borbiago

casa passiva
casa passiva italia (genteveneta.it)

Si tratta dii una casa trifamiliare contadina degli anni ’30, e misura 200 metri quadrati su cui fino ad ora non erano mai stati fatti lavori di ristrutturazione. Ora sta prendendo sempre più le sembianze di una casa abitabile dotata di ogni confort, ma senza né caldaia né termosifoni. La casa si “nutrirà” solo dell’energia ricavata dai raggi solari e dell’energia termica chiesta alla terra. Niente gas né gasolio né altri combustibili fossili; ma neanche stufe a pellet e niente caminetti a legna.
La casa passiva in realtà non è alla portata solo dei più abbienti. I costi al metro quadro per una ristrutturazione sono intorno ai 1600-1700 euro, del tutto simile a quello di una ristrutturazione con metodiche e tecnologie convenzionali. Il che si deve al fatto che gli impianti tradizionali sono pressoché azzerati; così quel risparmio è compensato da un maggior costo dei materiali isolanti.
Per giunta ci sono i vantaggi fiscali: la detrazione fiscale del 50% per le ristrutturazioni (fino ad un importo di 96mila euro) e quella che arriva al 70 e anche all’80% per interventi di adeguamento contro i terremoti.
L’architetto Denise Tegon che si è occupata dell’intervento dal punto di vista termico-energetico ha fatto tutto ciò che richiedevano gli standard di una casa passiva. La casa è stata costruita in funzione di un isolamento termico per la tenuta all’aria, con serramenti tutti in legno e triplo vetro.
A Borbiago si è fatto tutto ciò: lo sottolinea Denise Tegon, l’architetto che ha curato tutto l’intervento dal punto di vista termico-energetico, fino al conseguimento dello standard di casa passiva (il progetto è invece del geometra Piero Martarello).

Infine il “motorino” che serve per scaldare e rinfrescare e rendere confortevole l’abitare: una pompa di calore collegata a un sistema di ventilazione meccanica, che consente un continuo ricambio d’aria. È l’unico impianto della casa.
La casa funziona al costo di mezzo caffè al giorno. Inoltre è stato posizionato un tubo che d’inverno riscalda l’aria esterna prima di farla entrare nella pompa di calore, riducendone il lavoro. D’estate fa il viceversa!
Tutto questo impegno ha bisogno di un po’ di energia elettrica. Di giorno e quando c’è il sole sono più che sufficienti i 6 kW di potenza dei pannelli fotovoltaici sul tetto. Di notte si fa ricorso alla rete elettrica. Ma i costi di gestione si prevede si aggireranno sui 60 centesimi di euro al giorno.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome