A Sydney si può abitare nel giardino verticale più alto del mondo. Il One Central Park della città è un edificio residenziale imponente, vestito di verde!

Il giardino verticale di Sydney

Grige, affollate e rumorose queste sono le città. Ma il verde può esistere anche in città e coesistere meravigliosamente con i grandi e grigi palazzi. Ne è un esempio la creazione dell’architetto parigino Jean Nouvel e l’artista e botanico francese Patrick Blank: il One Central Park di Sydney.

Il grande edificio residenziale è stato completato nel 2014 e misura 166 metri. Fa parte di un “villaggio urbano” nel centro di Sydney che ospita grattaceli residenziali, negozi e spazi comuni per artisti e architetti. Immerso nel verde, la facciata del One Central Park ospita 250 specie di piante autoctone australiane che saltano da un balcone creando il giardino verticale più alto del mondo. Un insieme di specchi motorizzati si estende in alto per catturare e dirigere la luce del sole verso il basso affinché le piante possano nutrirsene. E dopo il tramonto, l’edificio è illuminato da luci a LED progettate dall’artista luci Yann Kersalé per essere alimentato a energia rinnovabile.

giardino verticale di Sydney
One Central Park (archdaily.com)

Il complesso comprende due grattacieli residenziali in cima a un centro commerciale centrale di cinque piani. La torre occidentale è alta 84 metri e accoglie 240 case, mentre la torre orientale alta 117 metri contiene 383 appartamenti, tra cui 38 attici con giardino panoramico sul tetto.

L’enorme parco di 6.500 metri quadrati alla base del complesso ricorda il famoso Central Park di New York, da qui il nome One Central Park. Con ampi prati aperti, scacchiere, un cinema all’aperto e spazi per festival o concerti, è un’area che tenta di offrire una pausa dalla stressante vita cittadina.

Il complesso cerca di offrirsi da modello per l’architettura urbana del futuro. Per rendere le città più vivibile e con una qualità di vita migliore, questo progetto australiano spera di offrire un’alternativa sane e rispettosa dell’ambiente in futuro.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.