Welcome to the jungle: stile jungalow per un arredamento wild

jungalow
Stile Jungalow.Photo credit:Biblioteche più belle del mondo: by unsplash.om

Quando si fa spazio alla natura e ai sentimenti più selvaggi, quando il colore prende il sopravvento dominato dall’istinto e il minimalismo cromatico viene messo da parte, vuol dire che stiamo parlando dello stile Jungalow.

Jungle e bungalow

Molti già saranno stati rapiti da questa nuova moda dell’home decor, altri forse non ne conoscevano il nome. Jungalow deriva dalla fusione delle parole “jungle” e “bungalow”, le tipiche case a un piano con veranda del Bengala. E’ l’ultima tendenza in fatto di arredamento ed è stata diffusa da Justina Blakeney, interior designer americana, appassionata dello stile bohemien e creatrice di un blog molto seguito.

jungalow
Stile Jungalow.Photo credit:Biblioteche più belle del mondo: by unsplash.om

Questo stile eclettico racchiude in sé diverse caratteristiche di altri stili. Ritroviamo il vintage anni ’50, il legno in vimini, accessori etnici e boho e molto colore. Ma l’elemento predominante, che racchiude l‘essenza di questo stile, sono le piante. Piante vere, piante sulla carta da parati, piante sulla tappezzeria, la vostra casa dovrà trasformarsi in una giungla dai toni tropical.

Verde a volontà

Come abbiamo detto il tema principale di questo stile sono le piante quindi che si tratti di palme, foglie di banano o ficus l’importante è che siano le protagoniste della casa. Se volete osare con l’eccentricità potete usare carta da parati a tema jungle. I colori vivaci della natura sulle pareti di casa vostra daranno un tocco wild all’arredamento. Se non siete pronti per un passo così estremo allora per le pareti si consigliano colori chiari ed essenziali, come il bianco da poter poi ravvivare con altri oggetti in stile jungalow.

Aggiungi un tocco etnico e bohemien

stile jungalow
stile jungalow (http://donna.nanopress.it)

Se si parla di stile jungalow si parla anche di stile etnico. Potete quindi divertirvi a combinare elementi floreali esotici con complementi d’arredo etnici, magari souvenir di qualche viaggio lontano. Colori accesi e tanta creatività sono essenziali per rendere la casa accogliente e che rispecchia la propria personalità.

Rattan e vimini per l’arredo

Parlando della parte “bungalow” di questo stile non possono mancare mobili in rattan e vimini come poltrone, sgabelli, tavolini o ceste. Per rendere tutto più selvaggio e tropicale il tocco di classe sarebbe una gabbia per gli uccellini, una sedia ad altalena o, il cult per eccellenza, la peacock chair con schienale alto ad arco.

Un po’ di vintage

Se lo scopo dello stile jungalow è quello di creare un ambiente lontano dalla modernità e dai design minimal e lineari, allora il recupero di mobili antichi è l’ideale. Il vintage entra in scena tramite elementi di recupero trovati in mercatini dell’usato, prediligendo credenze, cassettiere, tavolini e sedie anni ’50.


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome