Il Bonus verde 2018 è la nuova detrazione fiscale prevista con la nuova Legge di Bilancio 2018. Si tratta di una detrazione Irpef relativa alle spese sostenute per giardini terrazzi e balconi privati. Capiamo meglio di cosa si tratta.

Il Bonus Verde 2018

Per il 2018 ci sono molte novità riguardo gli interventi di restauro o rinnovamento della casa. Un esempio sono l’Ecobonus (per approfondire leggere il nostro articolo) e il Bonus verde.
Per quanto riguarda il Bonus verde, entrato in vigore il 1 gennaio 2018,è una nuova misura che prevede una detrazione per le spese relative al verde privato.
Il Bonus verde si muove in favore di una promozione del verde privato, infatti le spese sostenute per la sistemazione di giardini, terrazze e balconi verranno rimborsate del 36 % su una spesa massima di 5.000 euro.

bonus verde
Bonus Verde 2018 (ilsalvagente.it)

Si deve trattare di un intervento all’intero giardino o di una sistemazione a nuovo (o un radicale rinnovamento) di un giardino esistente. E’ inclusa anche la collocazione di piante e altri vasi floreali a patto che facciano parte di un intervento più ampio. Quindi la manutenzione ordinaria annuale non rientra nell’agevolazione come anche l’acquisto di piante per interni, compresi i balconi.

Questa nuova misura permette di detrarre dall’imposta sul reddito il 36% della spesa effettuata su un limite massimo di spesa di 5.000 euro, quindi il recupero fiscale ammonterà a 1.800 euro in dieci rate annuali. E’ una detrazione d’imposta Irpef che si aggiunge alle altre detrazioni fiscali spettanti e fruibili attraverso il modello 730 o il modello Redditi PF (ex modello Unico).

Bonus verde: metodi di pagamento

Attenzione perché il pagamento degli interventi dovrà essere effettuato con strumenti che ne permettono la tracciabilità. Si deve procedere quindi con bonifici bancari (sul quale deve essere indicato il riferimento normativo), bancomat, assegni bancari o circolari e carte di credito. Si escludono così tutti i pagamenti in contanti.

Bonus Verde: chi ne può usufruire

Un‘altra condizione necessaria è che l’abitazione sia del soggetto richiedente la detrazione con idoneo titolo di proprietà, affitto o comodato. L’agevolazione spetta per ogni immobile posseduto o detenuto dal contribuente ed è cumulabile con altre agevolazioni. Questo bonus fa riferimento anche ai lavori eseguiti presso le aree verdi degli edifici condominiali.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome