Riciclare rifiuti domestici: non dimenticare gli articoli da bagno!

Quando si parla di riciclaggio domestico, il primo ambiente della casa che ci viene in mente dove poter applicare buone norme ecosolidali è la cucina. Effettivamente è qui che si smaltisce la maggior parte dei rifiuti e dove in genere si trovano i secchi per la raccolta differenziata, ma c’è un’altra importante stanza piena di oggetti riciclabili nella tua casa: il bagno. Vediamo quali articoli da bagno (ad link) si possono riciclare a cui spesso non badiamo.

Articoli da bagno da riciclare:

1. Bottiglie per shampoo, bagnoschiuma e colluttori. Queste bottiglie sono in genere di plastica di varie qualità e possono essere opache, come la maggior parte delle bottiglie di shampoo o trasparenti, come le bottiglie di bagnoschiuma. Le bottiglie opache sono generalmente in plastica (Polietilene ad alta densità o HDPE), che è accettata dalla maggior parte dei riciclatori. Le bottiglie trasparenti sono in plastica, nota anche come PET, che è la plastica più utile per il riciclaggio.

2. Contenitori per pillole e medicine. Questi sono disponibili in molte forme e dimensioni, oltre a diversi materiali. In base al tipo di medicine, che siano pillole o medicinali liquidi, i materiali impiegati per la confezione sono di vario genere. E’ bene sempre controllare il fondo dei contenitori per vedere che tipo di plastica è stata usata o eventuali indicazioni sullo smaltimento riportate sulla scatola.

3. Confezioni di cartone. Gli articoli per il bagno, in particolare i prodotti per la cura della bellezza, sono commercializzati in modo estremamente antiecologico, infatti la maggior parte delle volte vengono confezionati in confezioni molto più grandi di quanto sia necessario. Non dimenticare di riciclare tutto, anche il rotolo finito di carta igienica!

4. Pellicole e involucri di plastica. Importante è anche riciclare gli imballaggi di blastica di qualsiasi prodotto, dalla carta igienica, alla confezione dei batuffoli di cotone, ai pannolini ecc…

5. Spazzolini da denti e tubi di dentifricio. Questi sono tra i più difficili da riciclare, se ci riferiamo allo spazzolino manuale, fatto di plastica e setole, non essendo un imballaggio non può andare nella plastica ma dovrà essere getta nel Secco/differenziato. Mentre lo spazzolino da denti elettrico per quanto riguarda la testina di ricambio va nel secco/indifferenziato, ma la struttura dello spazzolino quindi la parte elettrica va portata all’isola ecologica per essere smaltita.

Prendi la sana abitudini di riciclare gli articoli da bagno, non solo quelli riferiti alla cucina!

Leggi anche: Come sarà la casa del futuro?


Piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle ed esprimi la tua idea

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome