Le piante carnivore da appartamento sono valide alleate contro fastidiosi insetti nelle nostre case. Ecco come coltivare e ricreare un ambiente adatto a queste piante.

Piante carnivore da appartamento o insettivore

Piante carnivore
Piante carnivore da appartamento o insettivore (foto by Pixabay)

Se vi state chiedendo quale sia la soluzione contro quei fastidiosi insetti che con la bella giornata invadono le vostre case, ecco la risposta. In natura ci sono oltre 600 specie di piante che appartengono alla famiglia delle piante carnivore. Queste piante sono assai differenti, suddivise in 7 famiglie e 15 generi. Ma, anche se con segni distintivi ben particolari una cosa accomuna tutte queste piante: catturano ed ingeriscono gli insetti. È per questa particolarità che questi vegetali sono comunemente chiamate anche insettivore.

Quali sono le piante carnivore da appartamento

Le piante carnivore, come detto precedentemente, sono molte, ma le più adatte per gli appartamenti sono:

  • Drosera capensis
  • Dionaea muscipula
  • Sarracenia purpurea
  • Nepenthes

Coltivare tali pianti non è per nulla semplice, ma con dei piccoli suggerimenti ogni problematica sarà superata.

Come si coltivano le piante carnivore da appartamento?

La cura delle piante carnivore da appartamento richiede molta pazienza e la preparazione per un habitat ideale alla loro sopravvivenza. La stagione invernale è il periodo meno preoccupante per queste piante che richiedono un ambiente particolarmente umido. Si consigli di annaffiarle settimanalmente ed eliminare di tanto in tanto le foglie morte. Bisogna, quindi fare attenzione al livello di umidità senza però far sopraggiungere muffe!

Nelle stagioni più calde, l’estate e la primavera, le piante carnivore da appartamento, invece, richiedono maggiore attenzioni. Prima di tutto le piante devono essere portate all’ombra, in un luogo in cui non arrivano i raggi del sole. Quando le temperature si alzeranno, e dunque in estate, bisognerà irrigare la terra delle piante carnivore con una frequenza maggiore.

In primavera e in estate, bisognerà porre le piante in una zona a mezz’ombra, lontano dai raggi del sole. In estate le irrigazioni dovranno essere più frequenti perché bisognerà tenere costantemente umido il terreno.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

2 Commenti

  1. Consigli assolutamente sbagliati! Le piante carnivore temperate devono essere tenute sempre fuori, sotto i raggi del sole. Il colore di queste piante viene infatti fornito dalla luce. Non vanno annaffiate dall’alto ma va posto un sottovaso sempre pieno di due tre centimetri di acqua distillata in estate, mezzo centimetro in inverno. Mai acqua di rubinetto.

    • Salve Alex, grazie per i tuoi consigli, la nostra fonte evidentemente usa metodi differenti. Terremo conto di ciò che ci suggerisci per i prossimi articoli riguardanti tale argomento.
      Continua a seguirci, le vostre opinioni sono sempre ottimi spunti per noi!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.