Doccia o vasca qual è la scelta più giusta?

Quando si progetta una casa, o il restauro di essa, uno dei maggiori dilemmi è l’installazione di una doccia o di una vasca. Doccia o vasca qual è la scelta più giusta? Ecco i nostri consigli!

Il problema sorge spontaneo: come progettare un bagno senza commettere errori?

doccia o vasca
Vasca o doccia? (foto by Unsplas)

Nei casi in cui si debba progettare un bagno in cui c’è lo spazio limitato, si deve fare una scelta o la doccia o la vasca. In questo caso che si fa? Al momento della progettazione di un nuovo bagno o del restauro di questa stanza, occorre prendere delle decisioni che soddisfino le nostre esigenze.

Il bagno presenta degli impianti che potrebbero con il tempo logorare l’intera stanza. Per questo motivo, occorre prendere le decisioni più adatte all’ambiente, prima di dover incorrere in spese eccessivamente onerose quanto evitabili. In alcune stanze è possibile installare entrambe le soluzioni. Ma questa soluzione potrebbe incidere negativamente su altri fattori: tubature, funzioni degli accessori errate o difficoltà di utilizzo dell’una o dell’altra. Inoltre, bisogna sempre tener conto dell’uso e delle preferenze personali, così come della comodità. Solitamente, infatti, se il bagno viene utilizzato da persone che sono un po’ avanti con l’età o con difficoltà motorie la vasca non è propriamente indicata, a meno che non sia un modello particolare con l’entrata e la seduta agevolata.

Adattabilità della stanza

Uno delle caratteristiche da cui partire per progettare un bagno e soprattutto per scegliere se installare un box doccia o una vasca è la conformazione della stanza. Metri quadri, forma e suddivisione della stanza incidono molto su questa scelta. Ad esempio, un bagno stretto e lungo non è un luogo adatto ad una vasca, meglio sfruttare la al meglio gli spazi andando ad installare un box doccia nella zona posteriore, sfruttando invece quella anteriore per lavandino e sanitari. In questo modo si evita di creare strutture che intralcino i movimenti, rimpicciolendo lo spazio a disposizione.

Questo concetto, ovviamente, si adatta anche ai bagni piccoli. Una vasca occupa uno spazio alquanto ampio, mentre una doccia, se ben fatta, potrebbe essere un elemento d’arredo eccezionale. Rinunciando alla vasca, in questi casi, non si rinuncia allo stile, anzi, con questa soluzione si aumenta la possibilità di realizzare una stanza dallo stile strepitoso.

Alcune soluzione, invece prevedono l’installazione di vasche integrate con la doccia. Una soluzione, questa che potrebbe risultare pratica e funzionale. L’importante è sempre tenere conto delle misure!

Amanti della vasca

doccia o vasca
Una vasca in camera da letto (foto by Unsplash)

Alcuni di noi potrebbero, però essere lo stesso amanti della vasca e quindi non intendono rinunciare al loro momento di relax. Allora cosa fare? Ebbene, in questi casi si può pensare oltre gli schemi, andando a creare qualcosa che abbatte le regole consuete. Ci sono, infatti, delle soluzioni, ove possibile, che prevedono l’istallazione della vasca all’interno di stanze differenti dal bagno. Solitamente, questa soluzione prevede la presenza della vasca in camera da letto. Decisamente la realizzazione di un luogo di completo relax.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome