Ospiti a pranzo? Questo significa essere pronti a preparare tutto con cura, nei minimi dettagli, facendo in modo che gli invitati si sentano a proprio agio. Ecco come accoglierli nel modo migliore.

Ospiti a pranzo

ospiti a pranzo
Ospiti a pranzo, tutti i segreti per accoglierli nel modo migliore (foto by pixabay)

Hai invitato amici o conoscenti a casa? Devi organizzare un pranzo per gli ospiti? Partiamo dal concetto primario: quando si parla di un invito a pranzo si sta facendo riferimento ad un’occasione più formale, rispetto a quello che potrebbe essere una cena. Un incontro casuale o una cena, difatti, sono occasioni più conviviali, invece quando si tratta di un pranzo la situazione è più delicata.

Data questa sottile differenza, occorre comprendere quali siano le regole basilari da seguire per essere perfetti padroni di casa. Soprattutto si tratta di linee guida per evitare di trovarci disorientati e dover far tutto di corsa all’ultimo secondo.

Ospiti a pranzo? Come fare gli inviti

Come anticipato, il pranzo è un invito che deve presentarsi con una forma più formale, dettato propriamente dal galateo.

La prima parte riguarda chi invitare! Scegliere gli invitati può sembrare cosa da poco o scontata, ma non è proprio così. Quando si preparano gli inviti per un pranzo dobbiamo fare una scelta. Innanzitutto, è bene aver chiaro il numero massimo di persone che possiamo invitare, senza rischiare di stare troppo stretti a tavola.

Una volta scelto il numero degli invitati occorre scegliere chi invitare. Questa scelta deve partire da una selezione per affinità. Gli invitati dovranno essere persone che vadano d’accordo, evitando così la nascita di spiacevoli polemiche.

Mi raccomando: sugli inviti occorre segnare un’ora di arrivo precisa e chiara, e soprattutto che coincida con l’ora in cui si andrà a tavola. In questo modo si dovrebbero evitare noiose attese.

Una tavola come galateo comanda

Per accogliere gli ospiti ad un pranzo non c’è cosa migliore di preparare una tavola alla perfezione. Ci sono delle regole dettate dal galateo sul modo di apparecchiare una bella tavola.

Prima di tutto, la tavola si deve apparecchiare in base al menù scelto per l’occasione, e si inizia dall’esterno. Quindi, partendo da sinistra, troviamo:

  • Coltello per il pane: lo si può affiancare agli altri, ma sarebbe più carino riporlo su un piattino per distinguerlo dagli altri;
  • Forchetta per il primo e per il secondo: se si tratta di un secondo per il pesce, ricordate di sistemare l’apposita forchetta;
  • Piatto: se il pranzo inizia con un antipasto alla base lasciate il piatto piano da secondo, mentre sopra utilizzate un piattino da antipasto, sostituito poi dal piatto per il primo;
  • Posate per il dessert: queste posate vanno sistemate sopra al piatto verso il centro della tavola;
  • Coltelli: a destra del piatto vanno sistemati i coltelli, come per la forchetta, nel caso in cui il menù preveda il pesce, utilizzare l’apposito utensile;
  • Cucchiaio: questo utensile va collocato subito dopo i coltelli;
  • Bicchieri: devono essere sistemati in alto a destra rispetto al piatto, collocati quasi sopra ai coltelli, il bicchiere più vicino alla persona sarà quello per l’acqua, più interno alla tavola quello per il vino (nel caso verranno serviti vino bianco e vino rosso ricordate di mettere i 2 bicchieri appositi per le 2 tipologie di vino)

Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome